Le pallinatrici Blastrac rappresentano il sistema più efficace, efficiente ed ecologico per la rimozione di ruggine, calamina, vernici, rivestimenti anti-skid ed altri agenti contaminanti dalle superfici in ferro e per la preparazione prima della posa di nuovi rivestimenti e/o trattamenti anticorrosivi. Le pallinatrici Blastrac, progettate per le superfici in ferro impiegano abrasivo, sferico e/o angolare o un mix delle due tipologie, consentendo all’operatore di realizzare un’ampia gamma di profili un funzione del tipo di applicazione.

SISTEMI DI PALLINATURA / SUPERFICI IN FERRO

Le pallinatrici BLASTRAC rappresentano il sistema più efficace, efficiente ed ecologico per rimuovere ruggine, calamina, vernici, non-skid e altri agenti contaminanti dalle superfici in ferro e per la preparazione prima della posa di nuovi rivestimenti e trattamenti anticorrosivi. Le pallinatrici Blastrac progettate per le superfici in ferro impiegano abrasivo metallico, sferico e/o angolare, o un mix delle due tipologie, consentendo all’operatore di realizzare un’ampia gamma di profili/ruvidità in funzione del tipo di applicazione.

SISTEMI PER SUPERFICI ORIZZONTALI

Le Pallinatrici per superfici orizzontali vengono impiegate per la preparazione dei fondi e dei tetti dei serbatoi di stoccaggio, su piastre in ferro, coperture, chiatte, rampe di navi e traghetti, ponti navali, ponti volo, impalcati di ponti e viadotti, zone di atterraggio elicotteri e passerelle delle piattaforme petrolifere.

SISTEMI PER SUPERFICI VERTICALI

Pallinatrici per superfici verticali utilizzate con degli speciali sistemi di ancoraggio in funzione del tipo di serbatoio ( a tetto fisso, a tetto bombato o a tetto galleggiante), che vengono fissati in cima al tetto dei serbatoi e che grazie a speciali verricelli idraulici, controllati dall’operatore, con un comando remoto, permettono interventi di pallinatura sul mantello verticale. Permettono di preparare le superfici interne ed esterne dei serbatoi di stoccaggio, e vengono impiegate anche per le carene delle navi o per altre speciali applicazioni in verticale ( quali torri delle pale eoliche ecc.…. )

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO

La pallinatura per mezzo di abrasivo metallico (graniglia) sfrutta i principi dell’energia cinetica e della meccanica. L’abrasivo metallico, collocato all’interno del serbatoio (o tramoggia) della pallinatrice, passa per caduta attraverso una valvola di regolazione per giungere ad una turbina dotata di pale (girante), che ruota ad alta velocità e per effetto della forza centrifuga generata, viene proiettato attraverso un’apertura regolabile, con una specifica angolazione, sulla superficie da trattare. La graniglia, impattando sulla superficie, abrade e rimuove la ruggine o il rivestimento presente e ritorna all’interno dell’attrezzatura insieme al materiale asportato grazie al flusso d’aria generato dal sistema d’aspirazione collegato.
All’interno della pallinatrice un giro forzato ed il flusso d’aria presente, fanno si che il materiale distaccato e le polveri vengano separati dalla graniglia metallica. La graniglia metallica ritorna all’interno del serbatoio per essere riutilizzata, mentre il materiale di risulta e le polveri vengono aspirati e raccolti per essere successivamente smaltiti. Il processo avviene a ciclo continuo.

VANTAGGI DELLA TECNOLOGIA

  • Alta produttività ed efficienza, fino 8 volte superiore rispetto ai sistemi tradizionali con acqua ad altissima pressione, o alla sabbiatura a getto libero, consentendo inoltre di ottenere un risultato ideale in termini di profilo
  • Non è necessario il confinamento dell’area di lavoro, abbattendo i tempi di preparazione del cantiere
  • Richiede minor mano d’opera e quindi riduce l’incidenza del costo del lavoro
  • Permette di ridurre i costi al metro quadro dell’intervento
  • Offre un sistema semplice di raccolta e smaltimento del materiale di risulta
  • Il recupero dell’abrasivo metallico permette di ridurre sensibilmente l’incidenza dei costi del materiale di consumo
  • Consente di svolgere altri lavori ed interventi nelle aree limitrofe alla zona trattata
  • È un sistema ecologico
  • Consente di ottenere un’ ampia gamma di profili attraverso la scelta del tipo di graniglia (sferica e/o spaccata), della dimensione della graniglia e della velocità di lavoro
  • Realizzabili profili SA 1, SA 2, SA 2.5 secondo gli standard ISO 8501-1
  • La superficie è sempre asciutta, prevenendo la formazione di ruggine immediata (flash rust) che può crearsi con altri metodi
  • Sistema a ciclo chiuso quindi al 100% in assenza di polveri, impiegabile in qualsiasi area
  • Lascia la superficie pulita in modo uniforme, e immediatamente pronta per l’applicazione, non richiede quindi una pulizia
    successiva all’intervento
  • Sostituisce i tradizionali metodi di acqua ad alta pressione e sabbiatura a getto libero riducendo i rischi di esposizione degli operatori e dell’ambiente ad agenti inquinanti
  • Possibilità di applicazioni giornaliere delle superfici trattate
  • Riduce i costi di smaltimento del 95%
  • L’aspiratore può essere posizionato fino a 90 metri di distanza
  • Grazie al sistema di slitte e spazzole è possibile intervenire anche su superfici irregolari (saldature fra le piastre, rampe..)
  • Alimentazione idraulica o elettrica
  • Riduce del 100% i consumi di aria, non impiegando compressori
  • Riduce i costi della realizzazione di impalcature, non necessarie per i sistemi verticali
  • Riduce i tempi di programmazione del cantiere
  • Uno speciale kit di abbassamento permette di lavorare anche quando il tetto del serbatoio è molto basso
  • I modelli 350E, 350EX & 500E sono progettati con una struttura modulare e pertanto sono agevolmente smontabili e riassemblabili
    per passare attraverso i passi d’uomo (vedi immagine sulla sinistra)

SISTEMI DI AGGANCIO PER PALLINATRICE VERTICALE 900VMB

PER LA MOVIMENTAZIONE LUNGO IL PERIMETRO DEL SERBATOIO

L’impiego della pallinatrici per superfici verticali 900VMB congiuntamente alle apposite strutture di aggancio e movimentazione consente di ridurre sensibilmente i costi di approntamento del cantiere, in quanto non si richiede il montaggio di impalcature o confinamenti dell’area di lavoro. Grazie al sistema di recupero a ciclo chiuso non si hanno dispersione di polveri nell’ambiente.

 

Blastrac ha progettato vari sistemi di sostegno ed aggancio che si adattano alle diverse tipologie di serbatoi,
siano essi a tetto fisso ( Cono o Cupola) o a tetto galleggiante ( utilizzabili sia per il mantello esterno ma anche per l’interno). L’operatore può controllare, attraverso un comando a distanza, sia gli spostamenti lungo la struttura che
la lavorazione della pallinatrice.

 

Realizzati con materiali di altissima qualità e completamente certificati sostituiscono l’impiego di gru semoventi, garantendo il pieno controllo del cantiere e la totale autonomia nella pianificazione delle tempistiche, massimizzando le performances di intervento. A seconda della struttura del serbatoio e della presenza di passerelle, scale…. sarà possibile identificare il sistema più adeguato alle esigenze del cliente fra le versioni standard, o eventualmente progettare strutture ad hoc.

 

Gli specialisti Blastrac sono a disposizione per indicazioni tecniche sulla tipologia di aggancio in funzione delle caratteristiche del serbatoio.

SISTEMA DI AGGANCIO SERBATOI TETTO FISSO A CONO (CONE)

SISTEMA DI AGGANCIO PER SERBATOI A TETTO GALLEGGIANTE – MANTELLO ESTERNO

SISTEMA DI AGGANCIO SERBATOI TETTO FISSO A CUPOLA (DOME)

SISTEMA DI AGGANCIO SERBATOI TETTO FISSO A CUPOLA (DOME) MANTELLO INTERNO

Clicca qui per visionare i diversi sistemi di aggancio disponibili

PALLINATURA NEL SETTORE NAVALE E PIATTAFORME OFFSHORE – SUPERFICI ORIZZONTALI

Nell’ambito di cantieri e manutenzioni navali, le pallinatrici per ferro BLASTRAC sono progettate per lavorare sia su ampie superfici verticali o orizzontali che in aree ristrette. Le attrezzature per superfici orizzontali vengono utilizzate per tutti gli interventi di rimozione di vecchi rivestimenti, ruggine, calamina e per la preparazione di ponti navali, ponti volo, portaerei, traghetti e altre superfici simili.

 

Le pallinatrici BLASTRAC 350S/500S possono essere impiegate in bacino, nell’ambito dei programmi di manutenzione ordinaria e/o straordinaria della nave, ma anche in navigazione mentre la nave si sposta da un porto all’altro. Sulle piattaforme offshore e nelle zone di atterraggio degli elicotteri è possibile utilizzarle senza interferire con le attività quotidiane della piattaforma.

 

Le attrezzature per la pallinatura verticale vengono sospese a gru o fissate attraverso appositi sistemi di ganci e d’ancoraggio progettati da BLASTRAC. L’operatore controlla le operazioni di pallinatura e spostamento da una stazione mobile attraverso un comando remoto. Le attrezzature BLASTRAC sono conformi ai più severi criteri di sicurezza previsti per gli interventi sia in ambito navale che petrolchimico.

PALLINATURA NAVALE CON PALLINATRICE 900VMB

PER LA PREPARAZIONE DI SUPERFICI VERTICALI

Un intervento molto comune è la pallinatura delle superfici verticali delle navi, traghetti o portacontainer. L’esposizione prolungata all’erosione del sale marino richiede che i rivestimenti vengano periodicamente ripristinati parzialmente o totalmente per far fronte ai fenomeni di corrosione e/o presenza di incrostazioni, al fine di preservarne le strutture. La pallinatrice per superfici verticali 900VMB è lo strumento ideale in termini di produttività ed efficienza per gli interventi di preparazione e rimozione prima dell’applicazione del nuovo rivestimento anticorrosivo.

 

Gli scafi non sono l’unica parte della nave che richiede interventi di pallinatura. Anche le stive presentano le stesse necessità e le pareti richiedono la rimozione del rivestimento esistente così come della ruggine, olio, grassi ed altri agenti contaminanti presenti. La pallinatrice 900VMB può agevolmente raggiungere standard SSPC-SP10 (a metallo quasi bianco) e creare il necessario profilo per l’applicazione del nuovo rivestimento.

 

In funzione delle caratteristiche della struttura della nave, Blastrac può progettare, con il committente, diversi sistemi di aggancio per la pallinatrice: può trattarsi di una gru mobile, un carrello elevatore o altri sistemi per sorreggere e spostare l’attrezzatura. Grazie al verricello integrato alla pallinatrice, il sistema può essere utilizzato per lavorare dall’alto verso il basso e viceversa.

PALLINATURA A CICLO CHIUSO NEL SETTORE PETROLCHIMICO

Nel settore petrolchimico le pallinatrici BLASTRAC rappresentano il sistema più veloce ed efficiente per preparare i serbatoi di stoccaggio alla successiva verniciatura. A causa dell’ambiente in cui sono collocati, il processo deve essere privo di polveri e completamente sicuro.
I modelli BLASTRAC 350E Global e 500E Global, per superfici orizzontali quali fondi e tetti, hanno una STRUTTURA MODULARE concepita appositamente per l’industria petrolchimica, in modo che possano essere completamente disassemblate e le singole parti possano passare dai passi d’uomo standard, solitamente inaccessibili a qualsiasi altra pallinatrice. Tutta la serie E Global è conforme a tutti i più severi standard di sicurezza che ne consentono l’impiego all’interno dei serbatoi di stoccaggio.
La pallinatrice per superfici verticali BLASTRAC 900VMB è progettata per gli interventi su grandi superfici verticali del mantello dei serbatoi. La pallinatrice viene sospesa ad una gru o ad appositi sistemi di aggancio, con caratteristiche diverse, in funzione del tipo di serbatoio (a tetto fisso o a tetto flottante). La pallinatrice in fase operativa lavora dall’alto verso il basso e viceversa, e grazie al sistema di fissaggio e movimentazione può velocemente essere spostata lateralmente dall’operatore, che controlla le operazioni e gli spostamenti grazie ad un sistema con comando a distanza.

INTERVENTI PALLINATURA SU PIATTAFORME

ATTREZZATURE DOTATE DI PANNELLI ELETTRICI E MOTORI ATEX (IP66/67) / (EXD II 2G D II B T4)

La pallinatrice 350EX è equipaggiata con sistemi di sicurezza elettrici che la rendono idonea alle lavorazioni
sia all’interno dei serbatoi di stoccaggio che sulle piattaforme offshore, come il sistema d’aspirazione dedicato BDC-655EX, è dotata di pannelli elettrici e motori anti deflagrazione (IP66/67) / (EXD II 2Gd IIB T4).

 

Questa attrezzatura viene impiegata per gli interventi di preparazione e rimozione dei rivestimenti esistenti sulle zone di atterraggio degli elicotteri, come delle passerelle di accesso delle piattaforme. Le operazioni di pallinatura possono avvenire senza interrompere l’attività quotidiana della piattaforma. Nel settore petrolchimico questa versione può essere utilizzata per la preparazione prima della posa di nuovi rivestimenti dei fondi e dei tetti dei serbatoi. L’operazione avviene in totale assenza di polveri grazie al collegamento della pallinatrice al sistema d’aspirazione.

 

Come i modelli 350E e 500E anche la pallinatrice 350EX ha una STRUTTURA MODULARE concepita appositamente per l’industria petrolchimica, in modo che possa essere completamente smontata e le singole parti possano passare dai passi d’uomo standard, solitamente inaccessibili a qualsiasi altra pallinatrice.

 

Questa attrezzatura è conforme a tutti i più severi standard di sicurezza che ne consentono l’impiego all’interno dei serbatoi di stoccaggio e su piattaforme offshore.

MANUTENZIONE DELLE TORRI DI TURBINE EOLICHE CON PALLINATRICE PER VERTICALE 200VMB

PER LA MANUTENZIONE DELLE TORRI OFFSHORE

Nel corso degli anni l’azione degli agenti atmosferici, possono determinare nei supporti delle pale eoliche
problematiche di corrosione. Questo può risultare in condizioni di degrado delle flange di connessione o
dei rinforzi, compromettendo la funzionalità e le condizioni di stabilità della pala.

 

La pallinatrice 200VBM è l’attrezzatura ideale per gli interventi di manutenzione delle torri delle pali eoliche.
Permette di eliminare la ruggine e gli elementi corrosivi e di creare il necessario aggrappo meccanico per garantire l’aderenza ottimale al prodotto che si andrà ad applicare.Le operazioni possono essere eseguite in modo sicuro ed efficiente e senza la dispersione di polveri o altri agenti contaminanti nell’ambiente.In funzione della struttura della pala possono essere progettati diversi sistemi per l’aggancio e la movimentazione della pallinatrice.

PALLINATURA TORRI DELLE TURBINE EOLICHE CON PALLINATRICE VERTICALE 900VMB

PER LA PREPARAZIONE DELLE TORRI PRIMA DELL’APPLICAZIONE DI RIVESTIMENTI ANTICORROSIVI

La pallinatrice per superfici verticali 900VMB, utilizzata con il Sistema d’aspirazione dedicato 900DC, viene utilizzata per la pallinatura delle torri dei generatori eolici. Questo trattamento ha lo scopo di preparare il metallo ai successivi rivestimenti protettivi, eliminando gli elementi di sporcizia o eventuali elementi corrosivi/contaminanti. Queste strutture sono normalmente soggette all’esposizione a condizioni ambientali difficili (salsedine, pioggia, raggi UV…) e di conseguenza la preparazione del supporto diventa un elemento chiave per garantire la perfetta adesione dei rivestimenti.

 

Con l’impiego di questa attrezzatura è possibile ottenere un profilo SA2,5, in conformità alle normative ISO 85011. In funzione del profilo richiesto è possibile utilizzare graniglia sferica o angolare o un mix delle varie tipologie.

 

L’attrezzatura viene fissata sua una postazione verticale e si muoverà orizzontalmente sulla lunghezza della struttura da trattare e la torre ruoterà su sé stessa. La struttura di sostegno e movimentazione della pallinatrice viene sviluppata di volta in volta con il committente in funzione delle esigenze progettuali, diametri e lunghezza delle torri, in modo da individuare per le diverse condizioni, la miglior soluzione tecnica.

 

Questa tecnologia rappresenta una soluzione molto più efficiente e veloce rispetto ai sistemi di sabbiatura a getto libero. Il sistema a ciclo chiuso fa si che non ci sia dispersione di polveri nell’ambiente e la graniglia metallica venga riciclata, rendendo l’operazione più economica in termini di costi e di tempi. Per avere ulteriori informazioni su questo tipo di applicazioni e sulle soluzione proposte da Blastrac vi invitiamo a contattarci.